Tatarella su Cerignola: rigenerati? No, solo degenerati

Ci dev’essere una sorta di oscuro sortilegio a proposito dei bandi e dei fondi per la “rigenerazione urbana”, gli interventi che attraverso contributi pubblici e privati puntano a riqualificare aree degradate. Se il Comune di Foggia arriva venti minuti dopo la scadenza per consegnare le proposte, il Comune di Cerignola non ha di questi problemi: la Giunta di proposte non ne presenta affatto. Il motivo è palese: Cerignola non ha alcuna zona men che perfetta, nessun’area anche solo lontanamente tacciabile di degrado, nessun bisogno di interventi di riqualificazione. Stiamo bene così, ed è inutile che il Pd strepiti cercando di svegliare il sindaco Giannatempo, che dorme il sonno del giusto: gli interventi di rigenerazione urbana facciamoli a Zurigo, a Stoccolma, a San Francisco, luoghi flagellati dal disordine e dal malessere. Abbiamo altro a cui pensare, come ad esempio la fronda dei quattro dissidenti del Pdl. E poi, se non avremo quartieri rigenerati, possiamo contare fin d’ora su un’Amministrazione Comunale degenerata.

FABRIZIO TATARELLA
Coordinatore Provinciale FLI

null

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*