Foto dissesto idrogeologico Lesina Marina

Pubblichiamo delle foto trovate on line relative al dissesto idrogeologico di Lesina Marina, se avete altre foto INVIATELE alla voce INVIACI COMUNICATI in alto a destra.

dissesto-lesina-01.jpg

dissesto-lesina-02.jpg

2 thoughts on “Foto dissesto idrogeologico Lesina Marina

  1. Cari amici.
    sono quidici Anni che comprai, speravo che la nuove generazione avrebbe
    capito il gioco di chi amministra le risorse di svariati milioni di euro,
    il risultato si giudica da solo. Sono quarant’anni che la marina di Lesina
    incomiciarono à costruire il paese ed ancora oggi i collettori per il recupero
    delle aque piovane non sono stati costruiti e con il manto stradale tutto
    rovinato ed l’aqua piovana quanto piove porta via la sabbia dove il manto,
    stradale é appogiato ed ecco che vicino la chiesa si é creato quello che dicono disastro naturale, in quanto al gesso che cercano di far paura ai
    cittadini,che da miliardi di anni l’aqua non la mai distrutto ed non possono
    neanche provare un solo immobile che abbia ceduto di qualche millimetro
    devono darsi da fare à riportare il canale dove la natura l’aveva creato.
    Basterebbe un poco di buona volontà da parte di chi vuol riempirsi solo
    le proprie tashe.Ragazzi difendete la vostra casa non lasciatevi prendere
    dal panico ? a presto.

  2. innanzitutto la foto che è stata pubblicata risale a tre anni fa (quindi al 2008)inoltre quella”voragine”non è altro che la rottura di una conduttura fognaria.La cosa che non riesco a capire è il perché screditare un villaggio che ci invidiano tutti per svariati motivi che posso elencarvi:il mare più pulito di tutta l’italia,le isole tremiti a pochi minuti ,il lago a pochi passi,il gargano a pochi chilometri.Comunque proseguendo nel discorso sono stati quasi ultimati i lavori per la cosiddetta “fogna bianca”quindi non vedo come si possa parlare di un eventuale delocalizzazione del villaggio.Concludo dicendo che altri lavori sono in programma per dare più valore al suddetto e di conseguenza non credere a certe dicerie o macchinazioni politiche messe in atto dalla vecchia amministrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*