Comitato per la difesa dell’Ospedale di Lucera:si è tenuto oggi il sit-in

null

Oggi 12 novembre si è tenuto il sit-in organizzato dal Comitato per la difesa dell’ospedale Lastaria. L’obiettivo è stato quello di informare la cittadinanza presente sul rischio chiusura del nosocomio lucerino, e manifestare la presenza forte di un comitato che si oppone e si opporrà a tale decisione.
Sono intervenute diverse testate giornalistiche che ringraziamo per la loro presenza e la successiva testimonianza del nostro operato. Insieme ad una di esse siamo andati a parlare col Dott. Mezzadri, Direttore Amministrativo della struttura, il quale, mostrandosi da subito molto disponibile, ha esposto le problematiche riguardanti l’ospedale Lastaria. Il reparto Ostetricia è a forte rischio chiusura in quanto il numero di nascite è di circa 350 unità ed è purtroppo inferiore alle 500 stabilite secondo l’accordo stato-regioni.
Insieme al Dott. Mezzadri è stato manifestato l’obiettivo comune di voler comunque mantenere la struttura attuale consistente di 127 posti letto suddivisi tra i vari reparti, e tuttavia, si richiede un potenziamento di quelli che rappresentano l’eccellenza quali cardiologia. A proposito di quest’ultimo reparto è auspicabile la possibilità di svolgere nella struttura lucerina l’angioplastica, senza dover ricorrere ad inutili spostamenti a Foggia.
E’ proseguita per l’intera mattinata e proseguirà nei prossimi giorni la raccolta firme per la petizione contro la chiusura del Lastaria da indirizzare alle Istituzioni locali e regionali. In poche ore,durante il sit-in abbiamo raggiunto la soglia di mille firme !!!
Ringraziamo i cittadini che ci dimostrano il loro sostegno e il loro appoggio con la speranza che ad essi se ne possano aggiungere tanti altri per difendere tutti insieme il diritto alla salute !!!
Si rinnova l’invito alle Istituzioni e alla cittadinanza a partecipare all’incontro che ci sarà lunedì 14 novembre presso la sede di Piazza Bruno 40 a partire dalle ore 19 e 30, per preparare insieme altre iniziative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*