Arrestati a San Severo due bulgari dalla Polizia per sfruttamento della prostituzione

Arrestati dagli uomini del Commissariato di San Severo due cittadini bulgari, marito e moglie di 37 e 33 anni che “importavano” dalla Bulgaria giovani donne irretendole con la promessa di una buona occupazione in Italia e poi, una volta giuntevi, inducendole con minacce ed angherie alla prostituzione, di cui intascavano i proventi. Finalmente venerdì scorso una delle tante vittime dei due bulgari, una donna di 35 anni ha trovato il coraggio di denunciare i suoi aguzzini presso il locale Commissariato, raccontando di essere stata 4 mesi prima contattata da alcuni conoscenti che le avevano offerto la possibilità di venire in Italia e di poter trovare un lavoro nei campi.

Ma una volta giunta in provincia di Foggia, e precisamente a Marina di Lesina, la donna si è accorta subito del raggiro. Per due mesi circa ha accettato di prostituirsi per saldare il debito contratto per arrivare in Italia , consegnando ai due sfruttatori tutti i suoi guadagni giornalieri, pari a 300 euro, poi però , stanca della vita che conduceva, ha tentato di ribellarsi ma i due l’ hanno segregata in casa e più volte malmenata quando si rifiutava di prostituirsi. Nel corso della perquisizione gli agenti hanno trovato addosso alla bulgara il passaporto della vittima.


Comunicato Stampa Ufficiale della Questura di Foggia

null

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*