San Giovanni Rotondo: attivato l’ambulatorio di nefro-reumatologia a Casa Sollievo

Garantirà una migliore gestione della strategia terapeutica nei pazienti reumatologici di Casa Sollievo della Sofferenza

Attivato l’ambulatorio di nefro-reumatologia

In occasione della Giornata Mondiale del Rene, celebrata quest’oggi in tutto il mondo attraverso diversi eventi volti a creare maggior consapevolezza su come vivere con una malattia renale, Casa Sollievo della Sofferenza annuncia l’attivazione di un nuovo ambulatorio specialistico di nefro-reumatologia.

Spesso nei pazienti affetti da malattie reumatologiche si riscontra un coinvolgimento di diversi organi che rende più complessa la gestione clinica: il rene è sicuramente uno dei più delicati per varie ragioni. L’interessamento renale è spesso asintomatico nelle fasi iniziali, con un quadro clinico confondente e il rischio di intervenire tardivamente.

Il precoce riconoscimento dell’interessamento renale e un trattamento tempestivo e appropriato della nefropatia contribuiscono a controllare la malattia e a prevenirne il danno cronico. Da qui la necessità di attivare in Casa Sollievo della Sofferenza un ambulatorio specialistico di nefro-reumatologia al fine di ottenere una stretta collaborazione multidisciplinare fra specialisti – in questo caso reumatologo e nefrologo – per un approccio integrato ai pazienti e la gestione condivisa dei casi più complessi.

filippo aucella«La possibilità di organizzare le varie competenze in strutture collaborative come il nuovo ambulatorio di nefro-reumatologia – dichiara Filippo Aucella, Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e del Reparto di Nefrologia e Dialisi in Casa Sollievo della Sofferenzavuole essere un tentativo di offrire a medici e pazienti l’opportunità di una migliore gestione del quadro clinico anche nelle complessità. In tal modo sarà possibile condividere le competenze acquisite, gli aspetti organizzativi e i protocolli terapeutici definiti».

Al fine di poter cogliere tempestivamente eventuali riaccensioni di malattia e prevenire l’evoluzione del coinvolgimento d’organo in danno irreversibile, sarà fondamentale tenere in stretto controllo l’evoluzione della malattia attraverso un programma di follow-up personalizzato in base alle caratteristiche del paziente e della sintomatologia, dell’evoluzione della patologia, della terapia in atto e delle possibili comorbidità.

«Le nuove conoscenze sulla patogenesi delle malattie reumatiche – conclude il nefrologo – hanno consentito lo sviluppo di nuove terapie, più efficaci e sicure, capaci di ridurre il danno renale: si tratta di nuove molecole biologiche il cui utilizzo ha reso possibile una migliore gestione personalizzata della strategia terapeutica dei pazienti».

L’ambulatorio di nefro-reumatologia è attivo presso il Poliambulatorio Giovanni Paolo II il terzo mercoledì di ogni mese nelle ore pomeridiane. È seguito dai nefrologi Michele Prencipe e Matteo Piemontese e dai reumatologi Michele Inglese, Carlotta Angelelli e Francesca Molinaro, coordinati da Filippo Aucella, Salvatore De Cosmo – responsabile del Reparto di Medicina interna – e Angelo De Cata – responsabile dell’Unità di Reumatologia.

ambulatorio nefro reumatologia

La visita ambulatoriale può essere prenotata chiamando il Centro Unico Prenotazioni (tel 0882 416888), dietro impegnativa del proprio medico curante.
Resta intatta la possibilità, ove necessario, di garantire ai pazienti il ricovero ordinario o prestazioni complesse in regime di day-service nelle strutture di competenza ogni qual volta si renda necessario.