Lettera aperta del Comitato Vola Gino Lisa ai candidati alla presidenza della Regione Puglia

Storicamente siamo stati sempre titubanti verso le campagne elettorali che avevano, nel loro elenco di punti di trattazione/promessa d’impegno politico, la vertenza dell’aeroporto Gino Lisa. Questo perché storicamente l’aeroporto è stato solo utilizzato per fare spot che poi non avevano dietro mai una reale e concreta volontà di definire una vertenza che è appesantita da troppi anni di bugie e nulla di fatto. Oggi, però, la vertenza sta trovando una definizione almeno sotto il profilo dei noti lavori di allungamento della pista. Manca, oggi, però una prospettiva di investimento sostanziale nella pianificazione dei voli civili da qui ai prossimi cinque / dieci anni.
Vorremmo, dunque, diversamente da quanto accaduto in passato, che questa ennesima campagna
elettorale non si trasformi in un silenzioso vuoto che avrebbe certamente un peso negativo nelle
prospettive di crescita di uno scalo che a dicembre avrà certamente tutte le carte per rientrare
nell’attenzione del turismo nazionale ed internazionale.
Siamo in attesa, dunque, di leggere qualcosa d’importante nei programmi dei candidati Presidenti.
Programmi seri che sappiano inquadrare lo sviluppo dello scalo Gino Lisa in un momento storico in cui il traffico aereo non produce numeri incoraggianti.
Programmi che non si limitino a dire “dove e quanti” ma che sappiano spiegare “come e il perché”.
Programmi che sin da subito sappiano coinvolgere il settore del turismo in tutte le varie sfaccettature ed esigenze rispetto allo strumento di Viale degli Aviatori.
Noi vogliamo sperare ancora che la politica saprà tirare fuori quel ben altro di cui il Gino Lisa oggi ha bisogno.
Cordiali saluti

Prof. Sergio Venturino
Presidente del Comitato Vola Gino Lisa