Sequestrati dalla Polizia di Stato fuochi artificiali pericolosi a Foggia

Prosegue incessante l’attività di prevenzione degli agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Questura di Foggia. Ieri sera nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio, disposto dal Questore di Foggia, finalizzato al contrasto alle rapine e alla vendita abusiva di materiale pirico, al quale ha partecipato anche personale della Polizia Municipale del capoluogo, sono stati sequestrati complessivamente 4 Kg di fuochi pirotecnici. Petardi, candele, fontane luminose, stelle illuminanti ed altri articoli decorativi natalizi erano custoditi ed esposti per la vendita su un banco mobile in legno, abusivamente installato in una strada periferica della città.

 

Polizia FOGGIA
Polizia FOGGIA

 

Il responsabile della vendita, anch’egli già conosciuto dalle Forze dell’Ordine per i suoi precedenti penali, è stato denunciato all’autorità competente per il reato specifico di esercizio abusivo dell’attività commerciale e per l’irrogazione delle previste sanzioni.Nel corso del servizio, in altra zona della città, sono stati, altresì, recuperati e sequestrati prodotti pirotecnici di IV e V categoria, abbandonati frettolosamente da due giovani che alla vista degli operatori di polizia si erano dati alla fuga.I fuochi pirotecnici della categoria indicata possono essere venduti solo a particolari condizioni e da persone in possesso di una specifica licenza di polizia e la vendita in forma ambulante è sempre vietata. Inoltre, il loro impiego, in relazione ai più elevati indici di pericolosità, richiede speciali attenzioni ed esperienze.

Nell’ambito dei controlli ai venditori ambulanti, durante lo stesso servizio in questa P.zza Giordano veniva controllato e sottoposto a rilievi dattiloscopici un cittadino senegalese risultato irregolare sul territorio nazionale, nei cui confronti sono stati adottati i provvedimenti amministrativi in materia di immigrazione clandestina.

 

Comunicato Stampa Ufficiale della Questura di Foggia
null

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*