Fabrizio Tatarella (FLI): Il Governo prende a schiaffi Foggia, la Capitanata e l’intera classe dirigente del Pdl

Saverio Romano, ministro delle Politiche Agricole, dopo aver tagliato il nastro della LXII edizione della Fiera di Foggia, ha fatto un palese dietrofront sull’istituzione dell’Autority alimentare a Foggia.

logo-fli-2011.jpg

 

 

Un brutto segnale del Governo verso la nostra terra.

Nel frattempo è, invece, sempre più forte lo sprezzo con cui il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha accolto le proteste della Capitanata e del territori circonvicini per i paventati sondaggi della Petroceltic al largo delle Tremiti. Trattandosi della Prestigiacomo, i toni saranno stati garbati, ma la sostanza non cambia: il Governo prega vivamente di non rompere le scatole e di non disturbare il manovratore. Adesso attendiamo che l’onorevole Antonio Pepe ci spieghi che si è trattato di un equivoco, che le trivelle sono cosa buona e giusta, che questo Governo non ha come unica stella polare gli affari di Silvio Berlusconi e quelli della Padania. Quanto all’onorevole Leone, ha ritenuto di non partecipare nemmeno al vertice. E’ evidente a tutti come l’intera classe dirigente del Pdl di Capitanata abbia perso al cospetto di Roma la poca durevolezza rimasta. Non è un caso che pochi sono i dirigenti che si stando spendendo, mettendoci la faccia, in questa tornata amministrativa. Un voler mettere le mani davanti ad una sconfitta? Speriamo di no, ma questo è un ulteriore motivo per sperare in un centro destra diverso anche a Foggia e in provincia.

 

Fabrizio Tatarella

Coordinatore provinciale FLI 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*