Bordo (PD): sull’Authorithy hanno vinto i leghisti ed i tecnocrati

 

“La cancellazione dell’Authority alimentare ora è scritta nero su bianco in Gazzetta Ufficiale: inoppugnabile documentazione dello spregio che il Governo riserva ai consumatori italiani, ai regolamenti europei e alle istituzioni territoriali”. Così Michele Bordo, deputato del Partito Democratico, commenta la notizia dell’avvenuta pubblicazione del Regolamento di organizzazione del Ministero della Salute, il cui articolo 8, comma 4 individua nella Direzione generale degli organi collegiali per la tutela della salute “l’autorità nazionale di riferimento dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare”.
“Poco conta, oggi, rivendicare che 10 mesi fa lanciai un inascoltato allarme, paventando quale rischio si celasse tra le righe di un regolamento apparentemente tecnico – continua Bordo – La realtà dei fatti ci dice che la Lega nord, spalleggiata da qualche funzionario del Ministero, ha cancellato la scelta compiuta dal Governo Prodi, mai attuata dal governo Berlusconi, di istituire l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare con sede a Foggia.
E’ gravissima la scelta di assegnare al Ministero della Salute le funzioni tipiche di un’authority indipendente – continua il deputato del PD – perché è davvero difficile immaginare che l’amministrazione dello Stato abbia la forza e la volontà di censurare se stessa in un settore così delicato sotto il profilo sociale ed economico.
La scelta compiuta non trova alcuna giustificazione politica, finanziaria ed istituzionale, ed è stata adottata solo per negare ad una città del Sud l’onore e le opportunità connesse all’essere sede di un organismo così utile e prestigioso.
Mi auguro che le istituzioni locali decidano di non accettare supinamente questa decisione – conclude Michele Bordo – e sappiano far valere le ragioni più che legittime della Capitanata in sede europea, con la speranza che l’Unione possa conseguire il risultato che neanche il Parlamento è riuscito ad ottenere da questo deprecabile Governo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*