Crescono i timori per la speculazione sui prezzi del grano. Divella: intervenga l’Europa

Segnaliamo l’articolo di Marika Gervasio pubblicato su IL SOLE 24 Ore sulla probabile speculazione sui prezzi del grano che andrebbe a mettere seriamente in ginicchio il settore primario.

Clicca qui per leggere l’articolo sul quotidiano economico finanziario >>>>>>

One thought on “Crescono i timori per la speculazione sui prezzi del grano. Divella: intervenga l’Europa

  1. Vincenzo Divella dell’omonimo pastificio, «perché non siamo noi che speculiamo. Bisogna controllare cosa succede all’estero, in Francia per esempio, il nostro mercato di riferimento per l’import di grano tenero, dove ogni giorno il prezzo sale di 10-15 euro. Bisogna intervenire a livello europeo».

    Bravo il sig. Divella che difende gli interessi della sua categoria…interviene solo quando il prezzo del grano aumenta!!!
    Due anni fa si partiva da un prezzo base a giugno di 35 euro a quintale e poi si è arrivati ai 12 euro a ridosso della campagna del 2009 e Divella nel frattempo faceva i c…. suoi ed utili a dismisura con i suoi pastifici.
    L’anno scorso da un prezzo base di 25 euro a quintale si è poi arrivati ai 13 euro di precampagna 2010.
    Che bella razza di imprenditori egoisti che abbiamo in Italia e qui nel Meridione.Pensano solo al proprio tornaconto personale ed al proprio portafoglio invocando l’ autority del Governoper far abbassare i prezzi!!!

    Il signor Divella non era poi la persona che dava la colpa al funzionamento del libero mercato il notevole ribasso del prezzo del grano…ora non gli hanno spiegato che il prezzo del grano può aumentare anche grazie al libero mercato!!!!!
    Dubito che capisca di economia agrario il sig. Divella…l’unica economia che capisce è il proprio tornaconto personale.

    Speriamo che il prezzo del grano duro arrivi ai 50 euro al quintale visto che un Kg di spaghetti Divella arriva anche ai 2 euro (1 quintale 200 euro).
    Povero Divella che non prenderai il posto degli zingari (che stimo molto) a far invetta di grano campagna per campagna come si vedeva tanti anni fa….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*