Comunicato del PRC: 14 dicembre 2010 sciopero generale

Segue comunicato del Partito della Rifondazione Comunista

prc-dic-10.jpg

“E’ iniziata l’era del conflitto” stava scritto sullo striscione che gli studenti hanno srotolato a Termini  durante le mobilitazioni contro il ridisegno privatistico e classista dell’Università. Quelle mobilitazioni sorprendenti per ampiezza, determinazione  ed intelligenza, che non si sono fermate dopo l’approvazione alla Camera del DDL Gelmini, che hanno conquistato un primo risultato “imponendo” lo slittamento della discussione al Senato a dopo il voto sulla fiducia del 14 dicembre, che continuano a crescere nelle scuole e nelle università del paese. L’era del conflitto si contrappone all’ epoca Dopo Cristo di Sergio Marchionne:  al disegno che, nella crisi,  vuole spazzare via ogni conquista del movimento dei lavoratori, ogni diritto sociale, in nome della “guerra” tra imprese in competizione sul mercato globale.

In quello slogan è contenuta tutta la consapevolezza e la determinazione del movimento degli studenti, sulla partita aperta, una partita che riguarda la scuola e l’università, ed insieme i diritti del lavoro, il welfare, la democrazia. Una partita che riguarda il futuro dei livelli di civiltà,  in Italia e in Europa: l’esito di una crisi che domanda la costruzione di un’alternativa di modello sociale e a cui invece si risponde accentuando le politiche che alla crisi hanno portato, dentro un’idea di società neocastale. Farla finita con l’idea del diritto al sapere, bene comune per eccellenza e costruire una scuola ed un’università dell’esclusione, in mano agli interessi privati delle imprese. Farla finita con i contratti collettivi e i diritti del lavoro: con le newco, la destrutturazione della contrattazione, il collegato lavoro. Farla finita con i diritti sociali, attaccati pesantemente dalle manovre del governo e che il nuovo patto di stabilità europeo che ci  si appresta a firmare a metà dicembre, vuole distruggere definitivamente: scaricando su pensioni, sanità, servizi sociali, il debito della speculazione finanziaria.  I movimenti che hanno attraversato il nostro paese, le lotte nei luoghi di lavoro,  per la scuola e l’università pubblica, contro la privatizzazione dell’acqua, il nucleare e le grandi opere, le lotte per “il futuro bene comune” sono la buona notizia di questi mesi. La mobilitazione del 16 ottobre è stata un momento di connessione importante di quelle lotte che domandano una continuità, domandano di pesare sull’agenda politica e di costruire un’altra politica, che riapra una possibilità di trasformazione. Il 14 dicembre la rete “uniti contro la crisi” costituita da realtà di movimento, esperienze sociali, singole e singoli ha promosso  una giornata di mobilitazione per circondare il Parlamento e far vivere le ragioni della “sfiducia” della società e dei movimenti al governo Berlusconi. Una grande assemblea popolare sotto Montecitorio, una mobilitazione in tutti i territori, come esercizio di democrazia, domanda di un’alternativa incompatibile con governi “tecnici”, di “transizione” , “di responsabilità nazionale” magari incaricati di fare le manovre che “l’Europa ci chiede”. Per mandare via Berlusconi e il berlusconismo. Per lo sciopero generale. Per ricostruire la possibilità di un’alternativa. Noi ci saremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*