Elezioni regionali 2020: nel centrodestra in pole Raffaele Fitto candidato governatore, aspettando la conferma il 16 dicembre 2019 a Bari alla convention di Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni

Il 7 dicembre 2019 tutti i leader delle sigle del centrodestra nazionale con una nota congiunta hanno dichiarato: “Con grande spirito di coesione e di collaborazione, dopo un lungo e costruttivo confronto tra i leader, i tre partiti hanno raggiunto un accordo sui profili dei candidati governatori e sulla composizione delle liste per le Regioni che andranno al voto e che sarà perfezionato nei prossimi giorni”.

Il 9 dicembre 2019 molte agenzie di stampa ed anche fonti politiche hanno reso noto che a Bari il 16 dicembre 2019 a partire dalle 15.30 ci sarà un evento politico alla Fiera del Levante nel quale la leader di FDI, Giorgia Meloni ufficializzerà il nome del candidato governatore che se la vedrà con il candidato del centrosinistra e con il M5S. Come è noto il candidato alle elezioni regionali in Puglia e nelle Marche spetta al partito FDI.


Si ipotizza che possa essere l’europarlamentare Raffaele FITTO il papabile. Cinquanta anni, nativo di Maglie, stessa città di Aldo Moro, e figlio del democristiano Salvatore Fitto, Governatore della Regione Puglia dal 1985 al 1988. Raffaele Fitto è già stato Governatore della Regione Puglia dal 2000 al 2005 all’età di trenta anni!

Fu sconfitto nel 2005 per una manciata di voti dal candidato di sinistra Vendola che ha governato dal 2005 al 2010. Raffaele Fitto è stato altresì ministro per gli Affari regionali nel governo Berlusconi Quater dal 2008 al 2011.

Eletto tra le file di Forza Italia al parlamento europeo nel 2014 con ben 284.547 voti, risultò all’epoca il secondo più suffragato in Italia. Per attriti con Berlusconi sul Patto del Nazareno esce da Forza Italia per creare Conservatori e Riformisti per dopo realizzare con l’UDC – Noi con l’Italia in occasione delle elezioni politiche del 2018. Rieletto europarlamentare alle elezioni del 2019 con 87.774 voti. Il suo partito Direzione Italia è confluita ad ottobre 2019 in FDI.


MA