Michele, Violante e Brenno Placido ospiti speciali del Concerto di Natale per sostenere la ricerca dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza

Gli attori Michele, Violante e Brenno Placido saranno gli ospiti speciali del Concerto di Natale in programma domenica 15 dicembre, alle 18, al Teatro Verdi di San Severo, per raccogliere fondi da destinare alle attività di ricerca dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

Lo spettacolo, organizzato in collaborazione con Cantine d’Araprì di San Severo, sarà condotto dall’attore Danilo Brugia e dalla presentatrice Mary De Gennaro.

Ci sarà spazio per la musica, con il jazz di Teo Ciavarella, la calda voce blues soul di Linda Valori e il vasto repertorio del cantautore bolognese Andrea Mingardi, sulle scene da più di 50 anni.

A portare il buon umore ci penseranno quattro artisti: Demo Mura, intrattenitore puro con una lunga esperienza in televisione, teatro e radio; Gennaro Calabrese, talentuoso imitatore che si è affermato nella trasmissione Rai Made in Sud; proprio come il cabarettista Marco Capretti, con le sue divertenti challenge in cui mette a confronto finzione e realtà; Rocco il Ventriloquo, dalla trasmissione Mediaset Tu si que vales.

Sarà uno spettacolo variegato, con esibizioni musicali, sketch comici e monologhi teatrali, ai quali si alterneranno le testimonianze dei ricercatori che saranno invitati a salire sul palco per raccontare i progetti di ricerca, le 185 sperimentazioni cliniche attive e le tante speranze che si coltivano nei laboratori dislocati in quattro siti: 3 a San Giovanni Rotondo – Ospedale, Poliambulatorio e Istituto di Medicina Rigenerativa – e 1 a Roma, presso l’Istituto Mendel.

«Ringrazio innanzitutto gli artisti che hanno accettato di partecipare allo spettacolo benefico – ha sottolineato Michele Giuliani, direttore generale dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza –. Sarà un evento che servirà a raccogliere fondi per la ricerca, ma che avrà anche l’obiettivo di condividere con la comunità e con il territorio il lavoro dei nostri 162 ricercatori che si battono per contribuire al progresso della scienza medica nel campo delle malattie rare, della genetica e delle terapie personalizzate in ambito oncologico, delle malattie complesse e della medicina rigenerativa. Daremo voce soprattutto a loro, alle idee e alle speranze che inseguono ogni giorno con impegno e dedizione. Partecipare acquistando il biglietto, o facendo anche una piccola donazione, sarà il modo migliore per incoraggiarli a proseguire nel loro prezioso lavoro».