ORIANA FALLACI: una vita per il giornalismo!

La scrittrice Oriana Fallaci.

Ricorre oggi, 15 Settembre 2019, il tredicesimo anniversario della morte di una delle più grandi e famose scrittrici e giornaliste italiane: Oriana Fallaci.

Nasce a Firenze il 29 Giugno 1929, dove morirà il 15 settembre 2006, perdendo la sua personale guerra contro il cancro.
Non solo un nome, ma una vita dedicata al giornalismo; quello vero, vissuto intensamente e con totale dedizione e passione e che l’ha vista sempre in prima fila, non solo come attivista e scrittrice, ma anche come giornalista ed inviata di guerra.

Oriana Fallaci in Vietnam.

Storici il suo reportage in Vietnam durante la guerra, e quello in Oriente (durante la sua collaborazione con il giornale L’Europeo nel 1960), per far luce sulla condizione delle Donne in quei paesi lontani, dal quale è nato il libro “Il sesso inutile”.
Irripetibili le sue interviste ai più grandi ed influenti personaggi della politica e della società mondiale, raccolte poi in appassionanti scritti come: “Intervista con la storia” ed “Intervista con il potere”.

Coraggiosi i suoi viaggi e il suo esporsi senza remore, con il solo obiettivo di far conoscere al mondo verità e realtà fino ad allora tragiche , sconosciute o dimenticate.

E come non ricordare l’Oriana Fallaci donna, che si racconta in prima persona nelle sue stesse opere, mettendo a nudo tutte le sfaccettature della sua eclettica e tormentata personalità. Una donna e una professionista che, non solo ha dedicato tutta la vita al suo lavoro, ma lo ha fatto espondendosi in prima persona, rivoluzionando così il modo di fare giornalismo, senza mai abbandonare i suoi valori, convinzioni ed etica che non le hanno mai permesso di scendere a compromessi.
Fece sentire forte la sua voce, e più ancora la sua acuminata penna nel 2001, dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre, portando a termine e pubblicando il suo celebre libro “La rabbia e l’orgoglio” in cui rompe un lunghissimo silenzio letterario per smuovere le coscienze sulla tragicità degli eventi.


Personaggio amato, odiato, contestato, quello di Oriana Fallaci ma che, sicuramente, ha dato un contributo unico alla storia del giornalismo italiano e mondiale.

Dalla lettera agli studenti della scuola Rosselli di Marina di Carrara, 8 maggio 1975.