Forza Italia Puglia: BILANCIO RACCONTA CIO’ CHE UN GOVERNO FARA’ L’ANNO SUCCESSIVO, DAL TESTO DEDUCIAMO CHE EMILIANO ANDRA’ IN VACANZA

Nota dei consiglieri regionali di Forza Italia Nino Marmo, Giandiego Gatta e Domenico Damascelli.

“Quando ci si candida, si presenta un progetto agli elettori e loro valutano quanto questo sia efficace o meno per risolvere i problemi principali della comunità. Al politico, poi, spetta, durante il governo, di portare avanti quelle misure, anche modificandole se è il caso, e lo fa nei modi stabiliti: lo strumento decisorio e programmatorio più importante è il bilancio. Ora, noi abbiamo letto e riletto il documento di Emiliano, abbiamo fatto anche proposte per rispondere alle istanze che i cittadini ci hanno rappresentato; ma nel testo della Giunta non abbiamo trovato nulla che faccia pensare ad una squadra che ha delle idee per la Puglia. E parliamo del bilancio di previsione, ergo di quel testo da cui dovremmo apprendere quale sarà il lavoro della Giunta e della Regione nel prossimo anno. Quali saranno gli interventi per quei temi che interrogano incessantemente la politica: nel testo non c’è assolutamente nulla se non 50 milioni per il rinnovo dei contratti in sanità (ben vengano). Poi, il vuoto pneumatico: su 28 articoli –che sono pochissimi, e quindi dovrebbero contenere misure macroeconomiche- troviamo il sostegno ai comuni per la rimozione dei rifiuti sulle coste, il sistema sanzionatorio in materia paesaggistica, la sorveglianza delle aree naturali, 100 mila euro per l’agenda digitale, le strutture di assistenza tecnica… ed altre micro misure che, in una situazione normale, ambirebbero ad essere attuate ma non certo ad essere inserite nel bilancio! Il provvedimento è a dir poco imbarazzante per un’istituzione come la Regione. Ci sono parole scomparse dal vocabolario: lavoro, tasse, semplificazione burocratica, giovani, politiche assistenziali, famiglia. Dunque, se è vero come è vero che il bilancio di previsione racconta, di norma, ciò che un’amministrazione si prefigge di fare l’anno seguente, dobbiamo dedurre che Emiliano abbia deciso, da gennaio, di mettersi in ferie da presidente della Regione e dedicarsi solo alla campagna elettorale”.