Ecco i principali provvedimenti della giunta regionale del 21 dicembre 2018

SANITÀ

Riqualificazione e ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica di ultima generazione nelle Regioni del Mezzogiorno. Delibera CIPE n. 32 del 21/3/2018 pubblicata sulla G.U. n. 154 del 5-7-2018. Approvazione piano regionale di radioterapia oncologica. 

Sei nuovi acceleratori lineari con relativi accessori destinati ai centri di radioterapia oncologica di Foggia, Barletta e Lecce.

L’approvazione della delibera sostanzialmente dà il via libera al “Piano Regionale per il Governo della Tecnologia in ambito Radioterapico” predisposto dal Tavolo Tecnico di Radioterapia Oncologica di concerto con il Coordinamento HTA presso l’ARESS Puglia. Il Piano regionale redatto sarà inviato al Ministero della Salute, rispettando la scadenza del 31/12/2018.

Il piano ha queste finalità:

1.         identificare il bisogno di radioterapia oncologica nella popolazione pugliese in funzione del quadro epidemiologico specifico;

2.         fornire una descrizione dell’assetto strutturale della Regione Puglia in termini di dotazione tecnologica dedicata alla radioterapia oncologica (grandi apparecchiature e personale dedicato al loro utilizzo) anche alla luce degli standard di riferimento;

3.         definire il livello di obsolescenza delle apparecchiature disponibili alla data della rilevazione, evidenziando elementi di criticità e fornendo elementi di pianificazione a medio termine;

4.         indicare la quantità di macchine di cui disporre sul territorio regionale partendo dalla individuazione del bisogno specifico e degli standard organizzativi auspicabili;

5.         quantificare per grandi linee il numero di professionisti da reclutare al fine di rendere efficiente la dotazione tecnologica esistente;

6.         identificare l’ordine di grandezza dell’impegno finanziario che il sistema regionale dovrebbe affrontare per mettere a regime la rete tecnologica dedicata alla radioterapia oncologica;

7.         stabilire le priorità degli interventi di adeguamento e ammodernamento tecnologico fornendo elementi utili per la scelta di  eventuali linee di finanziamento cui attingere per la realizzazione degli stessi.

Il documento rappresenta anche la relazione generale introduttiva HTA per la formalizzazione, a cura della Sezione Risorse Strumentali e Tecnologiche, del programma di utilizzo delle risorse assegnate alla Puglia per complessivi 19,310 milioni di euro (con decreto ministeriale del 6 Dicembre 2017 e delibera CIPE 32/2018) per la riqualificazione ed ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica di ultima generazione. Il programma di utilizzo, approvato anche esso con la Delibera regionale, prevede la sostituzione, per intervenuta obsolescenza tecnologica, di sei acceleratori lineari e relativi accessori destinati ai centri di radioterapia oncologica di Foggia, Barletta e Lecce.

Misure per la razionalizzazione della spesa per Dispositivi Medici acquistati direttamente dalle strutture sanitarie pubbliche del SSR, di cui alla classe CND A (Dispositivi da somministrazione, prelievo e raccolta).

I risparmi raggiungibili sono nell’ordine di 7 milioni l’anno.

Con l’approvazione di questa delibera, il Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per Tutti prosegue le attività di governance della spesa e dei consumi per dispositivi medici avviate con l’altra delibera di Giunta (la 1251 del 11.07.2018) con la quale sono identificate le categorie CND (Classificazione Nazionale dei Dispositivi medici) a maggior impatto sulla spesa regionale, dichiarate prioritarie ai fini dell’implementazione delle azioni di governo e di appropriatezza nelle strutture sanitarie pubbliche del Servizio Sanitario Regionale.

Dopo aver acceso i riflettori a dicembre sulla categoria dei dispositivi di tipo “P”(Dispositivi Protesici Impiantabili e Prodotti per Osteosintesi), l’analisi ora si è incentrata sulla categoria A (Dispositivi da somministrazione, prelievo e raccolta) evidenziando margini di risparmio che possono essere raggiunti mediante la riconduzione dei prezzi di acquisto regionali alla media nazionale, così come rilevata dal sistema informativo nazionale NSIS di raccolta dei dati di consumo e spesa sui dispositivi medici.

Le sottocategorie CND oggetto della delibera, in quanto rappresentano lo 88% della spesa complessiva per la categoria A, sono:

A03 – APPARATI TUBOLARI – (28,93%)

A10 – DISPOSITIVI PER STOMIA (N.T.COD. En ISO 0918) – (20,20%)

A06 – DISPOSITIVI DI DRENAGGIO E RACCOLTA LIQUIDI – (15,09%)

A01 – AGHI – (14,70%)

A07 – RACCORDI, TAPPI, RUBINETTI E RAMPE – (9,33%)

Con la delibera, che riporta in allegato una dettagliata analisi dei dati a conferma del capillare sistema di monitoraggio implementato dal Dipartimento Salute, si dispone che le Aziende pubbliche del Servizio Sanitario Regionale procedano ad un piano di azioni con obiettivi specifici da raggiungere, che prevede la revisione puntuale dello stato dei contratti e delle procedure di gara  per le suddette categorie di dispositivi medici e poi, in base agli esiti di tale revisione, provvedano con sollecitudine all’adesione ad eventuali convenzioni attive di CONSIP e/o del Soggetto Aggregatore regionale e/o  all’espletamento di nuove procedure di gara, in caso di indisponibilità di convenzioni attive.

“Linee guida per il rimborso delle spese di trasporto secondario per i malati affetti da SLA e patologie affini”

La Giunta Regionale, dando attuazione ad una disposizione contenuta nella legge regionale n.40/2016, art.54, ha approvato la delibera riguardante le linee guida operative per il rimborso delle spese di trasporto secondario per i malati affetti da SLA e patologie affini.

A beneficiare della misura saranno i pazienti affetti da SLA e altra patologia neurovegetativa trasportati presso i pronto soccorso del servizio sanitario regionale con codice giallo/rosso, ai quali verrà rimborsata la spesa per il rientro con ambulanza privata al proprio domicilio, ove non sia possibile fruire dell’ambulanza messa a disposizione dal Presidio ospedaliero.

Il rimborso verrà accordato dietro presentazione della documentazione medica oltre a quella attestante le spese effettivamente sostenute.

Con questa delibera si da finalmente attuazione ad una previsione legislativa che prevede una piccola ma significativa forma di ristoro a vantaggio di malati di grande fragilità e complessità ed alle loro famiglie.

La dotazione finanziaria complessivamente disponibile per l’anno 2019 è pari ad € 100.000 ed è stata già liquidata con separato atto dagli uffici competenti alle ASL pugliesi.

——————————————————————————————————————

Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome in materia di adempimenti relativi all’accreditamento delle strutture sanitarie. Approvazione schema regolamento “DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCREDITAMENTO – APPROVAZIONE MANUALI DI ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE E SOCIO-SANITARIE”

La Giunta ha approvato oggi i manuali di accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie attraverso i quali si tende definizione di un percorso di sviluppo progressivo che orienti l’organizzazione verso il miglioramento continuo.

I Manuali di accreditamento realizzano un metodo di gestione articolato nelle quattro fasi del Ciclo di Deming (PDCA, acronimo di Plan–Do–Check–Act, in italiano “Pianificare – Fare – Verificare – Agire”) prevedendo un’implementazione modulare delle evidenze in maniera tale da dimostrare diversi gradi di consapevolezza e responsabilità delle strutture sanitarie e socio sanitarie, che vanno dalla pianificazione delle attività all’implementazione, alla raccolta dei dati e all’adozione, in maniera sistematica, di una logica di apprendimento continuo in grado di coinvolgere tutti i professionisti e rendere tangibile l’impegno concreto di ciascuna organizzazione sanitaria nel migliorare la sicurezza e la qualità dell’assistenza erogata.

Il Tavolo tecnico regionale per la revisione e l’adeguamento della normativa regionale in materia di autorizzazione ed accreditamento, sulla base dei “Manuali di accreditamento” redatti a cura dell’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) ha elaborato n. 4 manuali per l’accreditamento delle strutture sanitarie e socio sanitarie distinti in:

– Manuale di accreditamento per le strutture ospedaliere;

– Manuale di accreditamento per le strutture di assistenza territoriale extra-ospedaliera;

– Manuale di accreditamento per le strutture che erogano prestazioni specialistiche in regime ambulatoriale;

– Manuale di accreditamento per le strutture di medicina di laboratorio.

I “Manuali di accreditamento” sono destinati a sostituire i requisiti di accreditamento stabiliti  dalla normativa regionale attualmente in vigore.

ACCREDITAMENTO MIULLI

Quest’oggi, con determina dirigenziale n. 437 del 21/12/2018 si è provveduto a confermare/aggiornare l’autorizzazione all’esercizio e a rilasciare l’accreditamento istituzionale dell’Ente Ecclesiastico Ospedale generale Regionale “F. Miulli”, nella nuova e complessiva configurazione delle discipline/posti letto e dei servizi senza posti letto ai sensi della normativa.

ALTRI PROVVEDIMENTI

Approvazione Linee guida regionali per l’attuazione dei percorsi di apprendistato e del sistema duale in Puglia

Con l’approvazione delle linee guida regionali, la Giunta completa il quadro regolatorio della materia. Il provvedimento è frutto anche del lavoro svolto con il partenariato economico e sociale.

La Regione Puglia recepisce così la disciplina in vigore per tutte le tre tipologie di apprendistato (previste dal Decreto legislativo 81/2015) con particolare attenzione agli “standard formativi” relativi all’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore (c.d.I livello) e all’apprendistato di alta formazione e ricerca (c.d.III livello).

Programma unico di emersione, assistenza ed integrazione sociale a favore degli stranieri.  Progetto: “La Puglia non Tratta 2 – Insieme per le vittime “. Stanziamento cofinanziamento regionale.

La Giunta ha approvato lo stanziamento del cofinanziamento regionale di 100mila euro .

La Regione Puglia ha aderito al Bando del Dipartimento per le pari opportunità, presentando il progetto “La Puglia non Tratta 2 – Insieme per le vittime”, impegnandosi a cofinanziare, in caso di ammissione a finanziamento, con  190mila euro di cui: 100mila quale quota parte a carico della Sezione Sicurezza del Cittadino, Politiche per le Migrazioni, Antimafia Sociale e 90mila euro quale quota parte a carico dell’Assessorato Lavoro e Formazione Professionale  per l’avvio di tirocini extracurriculari. Il progetto, già avviato lo scorso anno, avrà termine a febbraio 2019.

—————————————————————————————————————–

Monitoraggio dei corpi idrici superficiali. Approvazione del “Piano di Monitoraggio Idromorfologico per le categorie Corsi d’Acqua e Invasi

Il Piano approvato oggi in Giunta definisce gli ambiti di indagine ricadenti nei corpi idrici superficiali, da sottoporre a monitoraggio idromorfologico, nonché le metodiche di indagine più appropriate ed efficaci da applicare e i dati idrologici necessari all’applicazione delle procedure di analisi previste; l’individuazione degli ambiti di indagine potrà essere rivista in fase di attuazione del piano di monitoraggio, a seguito delle indagini di caratterizzazione morfologica del reticolo idrografico pugliese previste dal Piano stesso;

Il Piano fornisce una stima dei costi di attuazione del monitoraggio idromorfologico articolata per le diverse linee di indagini, incluse quelle opzionali, per un importo massimo di € 563.296,20.

La Regione si riserva di valutare successivamente l’estensione del monitoraggio idromorfologico alle restanti categorie di acque, in relazione anche a ulteriori sviluppi normativi e/o approfondimenti tecnici a livello nazionale

—————————————————————————————————————–

Approvazione schema di “Protocollo d’intesa per il Progetto Scambio PA – Promuovere la collaborazione interregionale per il confronto e lo scambio di buone pratiche” tra la Regione Puglia e la Regione Toscana.

La Regione Toscana ha promosso, nell’ambito del Piano di Rafforzamento Amministrativo, il Progetto SCAMBIO PA con lo scopo di realizzare un’iniziativa interregionale volta alla valorizzazione del capitale umano e il knowledge sharing tra le Amministrazioni regionali attraverso la condivisione di esperienze e buone pratiche e l’attivazione di meccanismi di collaborazione che consentano di consolidare il network tra le diverse Amministrazioni interessate;

Il Progetto SCAMBIO PA riguarderà, in particolare, i seguenti temi: Fondi Strutturali Europei, Società a Partecipazione Pubblica, Appalti e contratti, Digitalizzazione dei processi;

In sede di Conferenza delle Regioni, Coordinamento affari istituzionali, la Regione Puglia ha manifestato l’interesse a prendere parte al progetto di scambio.

——————————————————————————————————————

Approvazione schema di convenzione tra Regione Puglia e Politecnico di Bari – Dipartimento DICAR, per il “Rafforzamento dell’offerta di Alta Formazione sui beni culturali a Taranto”

La Regione Puglia, attraverso la convenzione, intende, nell’ambito dei primi interventi da realizzare sul territorio di Taranto per il sostegno alla realizzazione partecipata della “Legge su Taranto”, offrire una risposta alle aspettative della città nel settore dell’alta formazione, con ricadute anche al livello urbano e territoriale, valorizzando quelle tematiche specifiche di cui la città per i suoi trascorsi e per la sua consistenza storico monumentale è portatrice.

Oggetto della convenzione quindi è il rafforzamento dell’offerta di Alta Formazione sui beni culturali a Taranto, l’avvio nell’a.a. 2019/2020 della “Scuola di Specializzazione per i Beni Architettonici e Paesaggistici” e il riconoscimento da parte della Regione Puglia di un contributo finanziario finalizzato in parte all’erogazione di Borse di Studio, a favore degli studenti più meritevoli per la frequenza della scuola stessa.

————————————————————————————————-

Promozione della conoscenza e della valorizzazione della figura di don Tonino Bello per le celebrazioni del venticinquesimo anniversario della morte. Approvazione iniziative e schema di convezione.

I due progetti approvati oggi in Giunta, nell’ambito dell’istanza rivolta nel 2018 all’Assessorato all’Industria turistica e culturale, per la “Promozione della conoscenza e della valorizzazione della figura di don Tonino Bello per le celebrazioni del venticinquesimo anniversario della morte”, sono i seguenti:

Cammino di don Tonino Bello” avente come beneficiari la Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi. Il progetto intende promuovere e far conoscere la figura di Don Tonino Bello al di là dei confini regionali, ripercorrendo le tappe fondamentali della sua storia in tutta la Puglia. Il progetto punta a compiere un passo più ampio, finalizzato a mappare e tracciare un percorso di pellegrinaggio di quasi 300 Km che colleghi la città di Molfetta a quella di Alessano, che in un contesto di destagionalizzazione andrà ad incrementare il trend del turismo religioso.

Il giubileo della Convivialità” avente come beneficiario la Diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca. Il progetto prevede una molteplicità di iniziative volte alla conoscenza della figura e del messaggio di don Tonino Bello e alla fruizione dei luoghi legati alla sua vita e al suo mistero pastorale.

^^^^^^

Approvato il Piano Regionale di Dimensionamento della Rete Scolastica

^^^^^

Approvato lo schema di protocollo d’intesa per la realizzazione del progetto “La sicurezza ci sta a cuore” tra Regione e Automobil Club Italia e istituzioni scolastiche venerdì, 21 dic 2018 – 17:58